Bonus Mobili 2019


Detrazioni per acquisto mobili o restyling cucine

La Legge di Bilancio 2019 ha prorogato il bonus mobili fino al 31 dicembre 2019 solo per chi usufruirà della detrazione del 50% per gli “interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 1º gennaio 2018”.

Pertanto, il bonus mobili 2019 spetta solo ai contribuenti che entro il 31 dicembre 2019 fruiscono della detrazione del 50% per gli “interventi di recupero del patrimonio edilizio, quali ad esempio le ristrutturazione edilizia, interventi di risparmio energetico, isolamento delle pareti, interventi di costruzione o ricostruzione di servizi igienici, ecc, iniziati a partire dal 1º gennaio 2018.

L’inizio dei lavori deve essere documentato con la DIA, SCIA, CIL o CILA. o da un’autocertificazione se i lavori sono in edilizia libera.

Il bonus può essere fruito da tutti i contribuenti che sono assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche che risiedono in Italia e all’estero e ai titolari di società i cui redditi sono assoggettati all’IRES. Nello specifico a:

  • Proprietari di Immobili;
  • Usufruttuari di abitazione o superficie;
  • Nudi proprietari;
  • Affittuari;
  • Titolari di contratti in comodato d’uso;
  • Soci di cooperative;
  • Imprenditori individuali, sempre se l’immobile non è ad uso strumentale;
  • Società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti equiparati, imprese familiari con le stesse modalità degli imprenditori individuali.

Il bonus mobili spetta anche al coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado sempre se conviventi con il proprietario o con chi possiede dell’immobile oggetto della detrazione. In presenza di un contratto preliminare, il bonus spetta anche se i lavori vengono eseguiti a proprio carico o se è stato registrato il compromesso. Infine, spetta anche ai contribuenti che effettuano da soli i lavori sull’immobile, in tal caso le spese da portare a detrazione saranno limitate a quelle relative all’acquisto dei materiali utilizzati e ai mobili.

IMPORTANTE per BONUS ELETTRODOMESTICI

Dal 21 novembre 2018 è diventato obbligatorio comunicare all’ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo sviluppo Economico Sostenibile) l’acquisto di grandi elettrodomestici (in classe minima A+ o A per i forni) a decorrere dal 1° gennaio 2017.

Per ottenere la detrazione fiscale sulle spese sostenute per gli acquisti in oggetto è necessario comunicare all’ENEA i dati che attestino tale diritto.

L’ENEA ha pubblicato una guida rapida per l’utente e creato un sito web per la trasmissione dei dati degli interventi di ristrutturazioni edilizie o ad esse collegati la cui fine dei lavori ricade nell’anno solare 2018.

Link di riferimento per una documentazione precisa:

GUIDA FISCOAGENZIA ENTRATEENEA